Consulenze sulla Prevenzione e sul Mantenimento della Salute Naturale
Domenico Ponticelli
NATUROPATA

L'unica cosa che chiedevo ad un malato era che avesse fiducia in me come io cercavo di aver fiducia nella fonte dei miei poteri "miracolosi".

[Gesù Cristo]

27/09/2022

  Home   Su di me   Consulenza   Recensioni   Test Zang-fu
Zang
Cuore
Reni
Milza/Pancreas
Fegato
Polmoni
Fu
Tenue
Vescica
Stomaco
Colecisti
Colon
  Archivio Post   Uso della Cannabis   Area Riservata

La patologia degli Zang-Fu

Fin dai tempi più remoti i medici tradizionali cinesi hanno descritto e analizzato una serie di sintomi raggruppandoli in un sistema concettuale, in una serie di quadri clinici, che definiscono "sindromi" ben precise.

Le alterazioni energetiche che connettono le varie sindromi sono molto diverse da quelle considerate nella medicina occidentale, poiché ogni "sindrome cinese" rappresenta un insieme di manifestazioni conseguenti a una turba di un determinato Organo o Viscere secondo i dettami della fisiologia energetica.

Ricordiamo che in MTC (Medicina Tradizionale Cinese) le cause principali dei vari squilibri energetici che si ripercuotono a livello degli Zang-Fu (Organi-Visceri) sono suddivise in tre gruppi:

  1. Origine interna: eccesso come quantità o durata di un'emozione o sentimento.
  2. Origine esterna: aggressione dell'organismo da parte delle Xie (energie patogene esterne).
  3. Origine né interna, né esterna: eccessivo affaticamento, alimentazione o respirazione scorrette.

La MTC, inoltre, pone l'accento sullo studio della costituzione e della tipologia o, in altri termini, del terreno, poiché considera che una stessa causa patologica possa determinare in alcuni individui solo leggeri squilibri, mentre in altri sindromi più gravi, in base ai "punti" deboli o forti della costituzione individuale.

Lo studio delle varie sindromi è molto complesso, perché vengono descritte in modo preciso e puntuale le turbe relative a un determinato Zang-Fu, sia in base all'alterazione complessiva sia in base al deficit di una particolare funzione di questi.

Inoltre il complesso sistema degli Zang-Fu può essere considerato come l'origine e il termine di qualsiasi patologia.

È fondamentale quindi soffermarsi sull'analisi dei sintomi di esordio del quadro sintomatologico che ci si presenta. Spesso i sintomi iniziali ci orientano verso ciò che possiamo definire il "nucleo" di partenza della serie di disturbi che l'individuo presenta. Conoscere il punto di partenza dei vari disagi è di fondamentale importanza, perché ci permette di impostare un trattamento che mira alla radice del problema.

Questa premessa allo studio delle sindromi degli Zang-Fu è indispensabile, perché quando si instaura una turba energetica che persiste per diverso tempo, le sindromi iniziali si complicano, si creano circoli viziosi, un complesso di alterazioni a catena spesso difficili da analizzare. Per districare la matassa è necessario risalire alla sequenza temporale dell'insorgenza dei vari sintomi.

Da qui l'idea di mettere a punto un sistema in grado di indirizzare la persona verso le cause dei propri disturbi. Così facendo si favorisce la consapevolezza dello stretto legame tra l'individuo e i sette Sentimenti (gioia - collera - preoccupazione - ossessione - tristezza - paura - terrore) nonché del corretto fluire del proprio flusso vitale. Preciso che i vari Zang-Fu sono testati separatamente l'uno dall'altro per comodità, ma in realtà per la MTC l'uomo è sempre studiato nella sua complessità, quindi non bisogna mai prescindere dalle relazioni interfunzionali esistenti tra le varie parti dell'organismo. Si vanno così a definire delle "sindromi complesse" specifiche che considerano la ripercussione di una determinata turba energetica sul "sistema" Zang-Fu.


Linee guida per la scelta dell'area da testare

Il test sugli Organi-Visceri è suddiviso in sottotest, oguno dei quali è relativo ad uno specifico Organo-Viscere. Il singolo test si presenta come una pagina costituita da caselle da sbarrare. Ogni casella corrisponde ad un sintomo ben preciso; se si accusa quel determinato sintomo allora la casella va sbarrata, in caso contrario la si lascia in bianco.
Il test sugli Organi-Visceri può essere eseguito in due modalità:
  1. Scegliere una specifica area da testare, dal menu a tendina (Test Zang-fu), sulla base di uno o più sintomi ben precisi.
  2. Qualora non si accusassero particolari disturbi ma si volesse comunque effettuare un test globale, un buon indicatore del livello omeostatico è sulla funzione del Triplice Riscaldatore. Cliccare sul bottone sotto per avviare il test generale.

Per ambo le scelte, una volta ottenuto i risultati del test, è possibile proseguire con i test relativi alle aree collegate CLICCANDO SUI LINK COLORATI. Procedere in questo modo "a cascata" finché non si siano eseguiti tutti i test richiesti. Utilizzare la funzione "Stampa PDF" per scaricare localmente i singoli documenti, esiti dei singoli test. Si consiglia di rivolgersi ad un naturopata, o comunque ad un operatore olistico o specialista delle arti del benessere, per l'interpretazione dei risultati ed eventualmente approfondire e intraprendere un percorso di guarigione individuale.

N.B. Ogniqualvolta si fa click su di un link colorato, la pagina con il test relativo viene aperta in un nuovo tab in modo da poter tenere traccia dei test già effettuati. Naturalmente, se un test già è stato effettuato, questo non va ripetuto.


Contatti: Partnership:
Privacy Policy
Questo spazio propone contenuti a solo scopo informativo. In nessun caso tali informazioni costituiscono prescrizione medica ed in nessun caso si sostituiscono alla visita con il proprio medico curante. Questo spazio riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o consigli del medico poiché solo il medico può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazione terapeutica. Quanto riportato costituisce solamente una guida informativa sulla conoscenza da me acquisita in qualità di Naturopata e in piena conformità con la Legge 4/2013. In caso di patologie, disturbi o allergie è sempre bene consultare il proprio medico curante.