Consulenze sulla Prevenzione e sul Mantenimento della Salute Naturale
Domenico Ponticelli
NATUROPATA

L'unica cosa che chiedevo ad un malato era che avesse fiducia in me come io cercavo di aver fiducia nella fonte dei miei poteri "miracolosi".

[Gesù Cristo]

28/11/2022

  Home   Su di me   Consulenza   Recensioni   Test Zang-fu
Zang
Cuore
Reni
Milza/Pancreas
Fegato
Polmoni
Fu
Tenue
Vescica
Stomaco
Colecisti
Colon
  Archivio Post   Uso della Cannabis   Area Riservata

Che dire dei vaccini?

"L'organismo deve rimanere vergine da ogni inquinamento quanto e il più a lungo possibile, e la sua vitalità va mantenuta con la fisioterapia. Attualmente ci creiamo da noi le malattie, e ci muoviamo verso una cancerizzazione generalizzata, verso disturbi mentali da encefalite, da uso di medicamenti, da vaccini e da abusi chemioterapici"

[Professor Leon Grigoraki, dottore in Scienze alla Facoltà di Medicina di Atene]



Ecco ciò che un eminente pediatra americano, il dottor Robert S. Mendelsohn, dichiarava a proposito dei vaccini: "La vaccinazione è stata introdotta in modo tanto abile e rapido che quasi tutti i genitori credono che sia il miracolo che farà scomparire molte malattie terrificanti del passato. Io stesso ho impiegato i vaccini nei primi anni della mia pratica. Sono poi diventato un oppositore irriducibile della vaccinazione di massa a causa dei numerosi pericoli che ne conseguono. L'argomento è cosi vasto e complesso che meriterebbe un libro intero; posso darvi soltanto la conclusione alla quale sono giunto: la vaccinazione di massa rappresenta, per la sua inutilità, la più grande minaccia per la salute dei bambini".

Eva Lee Snead, pediatra, autrice di diverse comunicazioni scientifiche e di numerosi libri (fra cui: Some Call It AIDS..., I Call It Murder e The Connection between Cancer, AIDS, Immunizations and Genocide), da diversi anni ha intrapreso una serie di ricerche mediche sulla crescita del tasso di cancro e leucemia nei bambini; ha dimostrato la somiglianza fra le sindromi dell'HIV e quelle dello SV40 delle scimmie verdi africane. In alcuni individui è stato rintracciato l'SV40, ma l'unico modo per un umano di contrarre l'SV40 dalla scimmia è di ingerirne la carne o farselo inoculare contemporaneamente al vaccino. Questo SV40 è stato trovato contemporaneamente nel vaccino Sabin contro la poliomielite con cui sono stati vaccinati milioni di bambini per anni. Ora, si è constatato che il virus SV40 causa anomalie congenite, leucemie, cancri e una grave immunodeficienza, sintomi simili a quelli dell'AIDS. La pediatra dimostra la responsabilità dei vaccini nella comparsa dell'AIDS, e nell'aumento di leucemie e cancri nei bambini.

Alexander Horwin è nato il 7 giugno 1996 in Francia, ed è morto il 31 gennaio 1999 per un sarcoma leptomeningeo. La sua storia è simile a quella di tanti altri bambini piccoli, colpiti dal cancro o dalla leucemia. Alexander ha subito ben 16 iniezioni di vaccini nei primi diciassette mesi di vita, e ha cominciato a manifestare turbe del sonno, grande nervosismo notturno con pianti e grida, alternati a periodi di spasmi e convulsioni, dai quattro mesi in poi. In seguito sono comparsi infezioni alle orecchie e dolori al ventre. Successivamente, le gambe si sono coperte di eczema e gli è stata prescritta una crema al cortisone che non gli ha fatto nessun effetto. Hanno comunque continuato a fargli i richiami delle vaccinazioni. Quando ha cominciato a vomitare, il pediatra ha decretato che doveva trattarsi di un'infezione virale. Alexander aveva due anni quando gli hanno diagnosticato un tumore al cervello (un medulloblastoma). Dopo due operazioni, i genitori sono stati costretti dalle autorità mediche e governative a sottoporlo alla chemio. Tre mesi dopo, ancora sotto chemioterapia, Alexander è morto per un sarcoma laptomeningeo. L'analisi del tessuto tumorale prelevato nel cervello ha rivelato la presenza del virus delle scimmie, SV40. Come aveva potuto, questo bambino, entrare in contatto con il virus? Non sembra esserci altra risposta che la vaccinazione.

Negli anni cinquanta e sessanta il vaccino antipolio iniettato a milioni di bambini era contaminato dal famigerato SV40, il virus delle scimmie, considerato cancerogeno. Il vaccino venne ritirato dalla vendita, ma oggi se ne rintraccia la presenza in numerosi casi di cancro. È spesso associato al medulloblastoma, il più frequente tumore cerebrale in età pediatrica.

Nel 1997, durante un congresso sull'SV40, alcuni ricercatori hanno sottolineato "l'enorme crescita dell'incidenza dei mesoteliomi nella seconda parte del XX secolo, che ha coinciso con la malaugurata inoculazione in milioni di persone del vaccino antipolio contaminato con l'SV40". Hanno aggiunto che fra i vaccinati si riscontrano più tumori cerebrali che fra i non vaccinati.

Gli scienziati incominciano a capire che inoculare in un organismo miliardi di virus è un evento anormale, che provoca un'anormale reazione del corpo. Se il sistema immunitario di un bambino è abbastanza forte e sviluppato riuscirà a far fronte a questa aggressione, ma se non è abbastanza robusto o se reagisce con intensità all'improvvisa invasione virale, può non essere più in grado di contrastare un'ulteriore aggressione.

Da Pasteur in poi, le colture attenuate o morte di agenti patogeni sono state considerate come la base dell'immunità. La credenza voleva che una malattia inoculata da un vaccino in forma debole provocasse nell'organismo la formazione di anticorpi capaci di opporsi vittoriosamente alle forme attive della malattia. Ora, accade che i lavori dello scienziato russo Bochian sul polimorfismo della materia vivente e sull'importanza del terreno riducano a zero questa ipotesi... . Bochian è riuscito a produrre, partendo da vaccini uccisi, colture vive di agenti patogeni. Il fatto di ottenere microbi vivi e virus partendo da substrati diversi, comprese le preparazioni che fin qui erano considerate sterili, conferma che i limiti della vita degli organismi, come i virus, sono molto al di là dei limiti stabiliti dalla scienza ai tempi di Pasteur.

Più vicino a noi, vi sono medici che continuano comunque a metterci la pulce nell'orecchio: il dottor Doux dichiarava: "A mio avviso, il grosso problema che soltanto gli omeopati hanno messo in evidenza è quello delle conseguenze a lungo termine delle vaccinazioni. Il disordine cellulare generato dalle aggressioni microbiche costituisce la base del cancro e spiega in parte il lento e inesorabile sviluppo di questo flagello così come oggi lo constatiamo".

In molti paesi la vaccinazione è richiesta per accedere alla scuola dell'obbligo; è d'altronde questo il motivo per cui la maggior parte dei genitori fa vaccinare i propri figli. Altri lo fanno sistematicamente, senza riflettere, credendo alla falsa propaganda per cui i vaccini proteggono.

Il vaccino è un corpo estraneo che aggredisce il nostro sistema immunitario. Se la frequenza vibratoria sulla quale ci sintonizziamo fa sì che non abbiamo più la forza di lottare perchè attraversiamo un periodo di scoraggiamento, questo aggressore che eravamo riusciti a neutralizzare può riprendere vigore e aggredire con maggior forza il nostro sistema immunitario. Senza questa frequenza vibratoria, il virus resta inoffensivo. Allora, perchè assumere un tale rischio inutilmente? Finchè agiremo adattando il nostro comportamento e le nostre opinioni in base alle persone che ci circondano, lasceremo fra le mani delle autorità il diritto di decidere del nostro patrimonio in fatto di salute, e di quello dei nostri figli.


Contatti: Partnership:
Privacy Policy
Questo spazio propone contenuti a solo scopo informativo. In nessun caso tali informazioni costituiscono prescrizione medica ed in nessun caso si sostituiscono alla visita con il proprio medico curante. Questo spazio riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o consigli del medico poiché solo il medico può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazione terapeutica. Quanto riportato costituisce solamente una guida informativa sulla conoscenza da me acquisita in qualità di Naturopata e in piena conformità con la Legge 4/2013. In caso di patologie, disturbi o allergie è sempre bene consultare il proprio medico curante.